Il compleanno di Cesare Pavese

0

Area spettacoli affollata in ogni angolo ieri sera domenica 9 settembre 2012 per la presentazione in anteprima dello spettacolo “Cesare la luna e la vigna” scritto e diretto da Luciano Nattino e coprodotto dalla Douja d’Or in collaborazione con la Fondazione Pavese. Sul palco, insieme agli attori del Teatro degli Acerbi, anche Andrea Bosca, stella nascente del cinema italiano, che ha ricevuto il Premio Douja d’Or.

Lo spettacolo ha messo in luce il rapporto tra il grande intellettuale torinese e la terra viticola del Piemonte, in particolare quella di Santo Stefano Belbo, suo paese natale a cavallo tra le province di Asti e Cuneo. Un rapporto fecondo più volte evidenziato nelle poesie, nei racconti, nel diario e nei grandi romanzi. Cesare Pavese infatti amava Torino (“Città dove sono nato spiritualmente, arrivando di fuori: mia amante e non madre o sorella.”) ma trovava rifugio, appena poteva, nella campagna langarola che considerava sua vera madre, quella madre che Torino non poteva essere, una madre mitica, dura e affettuosa al tempo stesso.

“La luna bagnava ogni cosa, fin le grandi colline, in un vapore trasparente che velava,
cancellava ogni ricordo del giorno.”

Quanto fascino quelle pagine lasciano nel lettore! Quanti lettori han conosciuto le Langhe, prima che dal vero, dalla misteriosa bellezza di quelle parole. E quanti son venuti negli anni a scoprire la vera Gaminella o la Piana del Salto dopo averle “viste” nei libri di Pavese.

Nel testo e nelle azioni si è fatto ricorso a tutte le pagine dello scrittore in cui questo rapporto con la terra si evidenzia con più forza: dai colloqui con Nuto alle passeggiate solitarie, dalle riflessioni sul mito ai dialoghi tra personaggi di racconti o romanzi, fino all’incontro/scontro mai placato con la donna.

Il tutto affidato a giovani attori e musicisti, già affermati e riconosciuti.

Grazie a Patrizia Porcellana per questo scatto durante la consegna ad Andrea Bosca, stella nascente del cinema italiano, del Premio Douja d’Or. Congratulazioni!

Share.

About Author

Comments are closed.