Processo alla Doc con piena assoluzione

0

Si avvicina a grandi passi il cinquantesimo della legge sulle Denominazioni di Origine, quella che molti conoscono come la 930 del 1963, e alla Douja d’Or di Asti è stato organizzato un evento che ha cercato di valorizzarla con un “processo” che ha cercato di metterne in evidenza i difetti. Un “processo” vero e proprio, con tanto di PM, Avvocato difensore e Giudice,  che il “Comitato promotore per il Cinquantenario della legge delle Doc dei vini italiani” ha pensato di proporre per confermare, attraverso la formula della contraddizione, il valore del provvedimento.

Alla fine dei lavori, ha prevalso il grande impegno a favore della qualità e dell’origine che la legge 930 ha sviluppato nei quasi cinquant’anni di operatività e così non poteva che esserci l’assoluzione con formula piena.

È vero che da allora si è già due volte fatta il restyling con modifiche sostanziali che l’hanno tenuta al passo con i tempi, ma è anche vero che lo spirito di oggi è ancora quello originale. I lavori sono iniziati con i saluti di Andrea Desana che del “Comitato promotore” è il presidente, lui che prima di tutto è il figlio del Sen Paolo Desana, primo firmatario della legge 930/63. Poi, il dibattimento è iniziato: da una parte l’accusa, “interpretata” dal giornalista Elio Archimede quale Pubblico Ministero; dall’altra la difesa, retta da Vittorio Camilla, lo storico segretario del Comitato Nazionale Vini.

Tra i due contendenti, il Giudice super partes: Giancarlo Montaldo, scelto non solo per l’attuale ruolo di consulente e giornalista nel mondo vitivinicolo, ma anche per essere stato per anni collaboratore e direttore dello storico Consorzio del Barolo e del Barbaresco di Alba. Molti i temi del confronto. La legge 930 è stata nel 1963 la migliore possibile, ma certe situazioni che allora sembravano inoppugnabili, con il tempo si sono rivelate perfettibili.

A cominciare dalla variabilità delle Denominazioni di Origine. Ci si è chiesti se, invece di creare tre categorie di Denominazioni (DOS, ben presto cancellata, DOC e DOCG) non sarebbe stato meglio puntare tutto sulla Doc, quella che di più è entrata nella parlata comune. Ma non solo il numero delle categorie, anche l’eccesso dei vini Doc e Docg, con una sorta di “corsa alla Denominazione” che non ha premiato sempre i prodotti migliori.

L’accusa ha calcato la mano, ricordando vari vini che oggi hanno poco seguito e interesse, ma la difesa ha risposto alla pari, sottolineando come la colpa non sia della legge, del legislatore e neppure del Comitato Nazionale. Sono stati i produttori ha pretendere di ottenere dalla legge i riconoscimenti che solo il lavoro e il mercato sanno dare.

Ha tenuto banco, poi, il confronto tra vini a Denominazione di Origine e quelli varietali: i primi di ispirazione europea, i secondi con molti consensi nel nuovo mondo. I primi sembrano essere gli esponenti della qualità e della selezione, i secondi della massa. Ma la recente mossa dell’Unione Europea di aprire le porte anche ai vini di vitigno con un intervento specifico della nuova OCM Vino lascia qualche dubbio di troppo.

Senza dimenticare l’aspetto “appiattimento” che l’impostazione della Denominazione di origine ha portato con sé, soprattutto nel caso di vini come Barolo, Brunello, Barbera d’Asti, Barbaresco, Aglianico del Vulture, Valpolicella, ecc. Mettere sullo stesso piano qualitativo tutte le colline, tutti i vigneti all’interno della zona di origine di una Denominazione alla fine si è rivelato un errore. E così si è dovuto parlare di Crus, Sottozone, Vigne, Menzioni e a lavorare in questo senso. E molti di questi “riferimenti specifici” sono poi stati recepiti nelle nuove formulazioni della legge, sia la 164 che la 61.

E qui c’è stato un altro elemento di confronto. La Francia ha usato termini di facile comprensione come Climat e di Cru. Perché l’Italia ha voluto optare per parole discutibili come “Sottoxone” o incomprensibili come “Menzioni Geografiche Aggiuntive”. Non siamo noi italiani i maestri della fantasia?

GM – 18 settembre 2012

Share.

About Author

Leave A Reply