La Douja d’Or al Vinitaly

0

DSC_3574

E’ stata presentata al Vinitaly (area Unioncamere-regione Piemonte) la 47^ edizione della Douja d’OrSalone Nazionale di Vini Selezionati che si terrà ad Asti, Centro fieristico di Palazzo dell’Enofila dal 6 al 15 settembre.

La manifestazione si riproporrà al pubblico con la formula di intrattenimento enogastronomico e culturale che nel 2012 ha registrato forti consensi. E numeri da record: oltre 42 mila le sole degustazioni di vino, in crescita del 27% sull’edizione 2011 già molto positiva.

Il fulcro della manifestazione (che occuperà un’area complessiva di 8500 metri quadrati) sarà, come sempre, la degustazione e la vendita dei vini doc e docg selezionati attraverso il 41° concorso nazionale “Premio Douja d’Or”, organizzato sotto l’egida del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e con la collaborazione dell’Onav – Organizzazione nazionale assaggiatori di vino.

Nel 2012 le commissioni formate da 250 assaggiatori esperti dell’Onav hanno preso in esame 972 campioni di vini Doc e Docg proposti 373 cantine di tutta Italia: sono stati premiati 450 vini Doc e Docg e tra questi 38 si sono aggiudicati l’Oscar.

Il Piemonte ha confermato la leadership con 110 aziende premiate per un totale di 211 vini tra i quali 20 Oscar. La seconda regione per numero di riconoscimenti è risultata il Veneto: 44 premi tra cui 3 Oscar. Al terzo posto, la Lombardia che ha ottenuto 39 premi (3 Oscar), seguita a ruota dal Trentino Alto Adige con 36 medaglie e 2 Oscar della Douja.

“Il termine per l’invio dei campioni scade il 15 aprile – ricorda Mario Sacco, presidente della Camera di Commercio di Asti che promuove la Douja d’Or e la realizza attraverso la sua Azienda Speciale – le risposte sono già molto numerose da ogni parte d’Italia, ennesima conferma del prestigio che il Concorso ed il Salone si sono conquistati in quasi mezzo secolo. Con il Vinitaly, che festeggia in questi giorni la 47^ edizione, condividiamo il ragguardevole traguardo di essere tra le manifestazioni vinicole più longeve d’Italia”

Dal 6 al 15 settembre, tutti i vini premiati si potranno degustare e acquistare a Palazzo dell’Enofila, dove il viaggio tra le eccellenze dell’enologia italiana si intreccerà con gli spazi polifunzionali dedicati ai vini Docg ambasciatori dell’Astigiano nel mondo: l’Asti Spumante, il Moscato, la Barbera.

La Douja “a tavola” non mancherà di soddisfare i palati più esigenti con i Piatti d’Autore dei migliori chef monferrini (14^ edizione della rassegna) ed una ricca offerta di specialità enogastronomiche di territorio, e non solo.

L’intrattenimento culturale del 47° Salone nazionale, visto il gradimento della formula inaugurata nel 2012, sarà nuovamente arricchito con proposte di qualità in un’area spettacoli più capiente.

Domenica 8 settembre la Douja d’Or festeggerà per la seconda volta il compleanno di Cesare Pavese con uno spettacolo teatrale ispirato all’amatissimo scrittore piemontese, realizzato in collaborazione alla Fondazione Pavese.

Il progetto di co-marketing (Douja d’Or – Pavese) ha dimostrato di saper attivare una proficua sinergia su ambiti territoriali e di pubblico diversi ma complementari.

Giocando sul trinomio vino-gastronomia-cultura tra Langhe e Monferrato, l’evento consentirà infatti lo scambio di presenze turistiche tra i visitatori del Salone e quelli richiamati nelle Langhe dalla due giorni dedicata a Pavese (8-9 settembre, Santo Stefano Belbo).

Un’altra serata di spettacolo sarà a cura della Fondazione Centro di Studi Alfieriani, ente con il quale la collaborazione è consolidata da anni.

Alla luce dei positivi riscontri di pubblico, verrà riproposta con nuovi ospiti la rassegna SuonidiVini ideata e condotta dal giornalista esperto musicale, Massimo Cotto: artisti di fama nazionale raccontereanno di sé, del loro rapporto con il vino e il cibo, tra parole e musica.

La casa editrice Mondadori-Electa, che nel 2012 ha scelto la Douja d’Or per il lancio del libro di Sveva Casati Modignani “Il Diavolo e la Rossumata”, presenterà le sue novità editoriali legate al mondo del vino e della cucina.

Nell’ambito del programma culturale sarà inoltre riproposto l’Aperitivo con l’Arte a Palazzo Mazzetti, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e con l’Onav.

Numerose le novità in cantiere. “Sono in fase di progettazione alcuni incontri con buyers e giornalisti stranieri, in collaborazione con il Consorzio dell’Asti Spumante e con il Centro Estero per l’Internazionalizzazione del Piemonte – annuncia il presidente Sacco – nell’intento di favorire i processi di internazionalizzazione delle nostre aziende e dei vini premiati, stiano inoltre sondando le opportunità offerte dall’e-commerce”.

I vincitori del 41° Concorso enologico nazionale “Premio Douja d’Or” saranno annunciati nei primi giorni di luglio.

Il programma completo del 47° Salone sarà invece presentato a fine agosto.

L’offerta turistica del settembre astigiano si arricchisce e si completa domenica 15 settembre con il Palio di Asti, la storica corsa di cavalli montati a pelo, che risale al 1275.

Da non perdere il 15 e il 16 giugno, l’Assedio di Canelli , rievocazione dell’assedio che Carlo Gonzaga, duca di Nevér, pose alla città nel 1613. Un’occasione per scoprire e visitare la capitale dello spumante italiano, candidata a diventare patrimonio mondiale dell’Unesco per le sue cantine scavate nel tufo, unitamente agli splendidi vigneti di Langhe Roero e Monferrato.

r.f

Share.

About Author

Comments are closed.