Un cin cin con Giulia Nekorkina

0

Buongiorno! Ecco le nostre due chiacchiere su vino e sapori con la food blogger Giulia Nekorkina. Rossa di capelli con un caratterino tutto pepe(roncino), buongustaia e amante del vino, ma anche cuciniera, scribacchina e paparazzo del cibo: non perdete l’occasione di visitare il suo gustoso blog Rossa di sera. Cin cin!

Qual è l’accostamento di sapori più bizzarro che hai mai provato?

Ho un pò di difficoltà rispondere a questa domanda, in quanto mi diverto io stessa ad abbinare sapori strani e inaspettati. Ad esempio, per uno dei miei libri di cucina ho inventato un crème brulé al caffé con il croccante del prosciutto crudo caramellato. Strano, vero? Eppure buonissimo.
Invece quello che ho assaggiato di particolare, che mi ha particolarmente colpito, è l’emulsione freddissima dell’olio d’oliva a forma di una quenelle di gelato, di una consistenza soffice, che Roy Caceres serve nel suo ristorante Metamorfosi per accompagnare il pane. Nulla di strano in fin dei conti, ma molto particolare e sempre molto gradito.

piatto

In quali ricette ti capita di usare vino? Ce ne sveli una?

Uso il vino abbastanza spesso in cucina, per preparare i risotti, sughi di pesce o di carne per la pasta, negli stufati, nelle salse. Insomma, un pò ovunque.
Vi lascio una ricetta molto carina, di una zuppa di vino che in originale doveva essere bianco, invece per errore ho usato quello rosso, però la zuppa è stata molto apprezzata lo stesso!

Zuppa di vino

1/2 l di brodo di manzo
150 ml di vino
150 ml di panna
3-4 tuorli
1 cucchiaino di farina
sale
pepe bianco
cannella
2 fette di pane
50 g di burro fuso
200 g di salsiccia di tacchino

– riscaldare in una pentola il brodo e il vino.

– mescolare i tuorli, la panna, la farina, il pepe e il sale e quindi aggiungere il composto al brodo e mescolare con la frusta fino a quando la zuppa non raggiunge una cremosa consistenza.

– formare le piccole palline con la pasta di salsicce e rosolarle nel burro, mettere le polpettine da parte.

– tagliare il pane a cubetti e arrostire i pezzettini di pane nel grasso rimasto.

– versare la zuppa in tazze riscaldate, aggiungere qualche polpettina, i crostini di pane, cospargere il tutto con la cannella e servire.

zuppa di vino

Brindiamo insieme: che bottiglia scegliamo?

Per un bridisi, ovviamente, bollicine, e ovviamente, rosé, la mia grande passione! Però, nonostante il mio amore per lo Champagne, sono sempre alla ricerca di un buon prodotto nostrano. Amo molto il Rosé Brut di Monte Rossa (Franciacorta), il piemontese Visage de Canaille (Baricchi) oppure, una scoperta recente, Cruasé (Podere Bignolini) dell’Oltrepò Pavese.

cruase

Share.

About Author

Leave A Reply